SARTORIA F. CARACENI MILANO

“Esiste una soglia oltre la quale cessa l’arte e comincia l’industria”
Sono le parole di Ferdinando Caraceni, che quella soglia non ha mai voluto superare

Nel 1939, all’età di 16 anni, già sarto finito, Ferdinando arriva a Milano e per trent’anni lavora al fianco di A. Caraceni, suo grande maestro. Nel 1967 Ferdinando Caraceni fonda la sua sartoria di Milano in via San Marco. Per oltre sessant’anni Ferdinando lavora con passione e dedizione. Siamo al 2004, data in cui Ferdinando Caraceni ci lascia. Ma il suo cuore resta e i suoi insegnamenti sono stati così autentici che la figlia, Nicoletta Caraceni, che per oltre 20 anni ha lavorato gomito a gomito con il papà, decide di portare avanti la sartoria con gli stessi principi, mantenendo una lavorazione esclusivamente artigianale.

“Porto avanti il lavoro di mio padre con lo stesso spirito ed orgoglio, grata per tutti gli insegnamenti ricevuti. I nostri abiti non sono per tutti. Al di là del valore economico, desideriamo vestire persone che apprezzino ancora il lavoro del sarto artigianale e, per questo, vogliano indossare abiti unici, realizzati con passione, capacità e amore”

Nicoletta Caraceni

Oggi, la sartoria Caraceni è riconosciuta in tutto il mondo come eccellenza italiana. Nicoletta, come il papà le ha insegnato, è portatrice di una qualità maniacale che inizia dalla scelta del tessuto: che siano tessuti inglesi, cachemire di Scozia o lini d’Irlanda, devono essere sempre il meglio.

Leggi tutta la Storia

I nostri abiti, realizzati a mano e solo con tessuti pregiati

Alcuni dei nostri abiti

Leggi di più sui nostri Abiti e guarda altre foto

I nostri sarti al lavoro e alcuni dei loro strumenti

Leggi di più sulle nostre Fasi di lavorazione e guarda altre foto

Livre d’Or

Alcune pagine del nostro Livre d’Or, dove conserviamo ricordi ed apprezzamenti dei nostri clienti. Sfoglia alcune pagine

Pubblicazioni

Alcuni ritagli di giornali dove si parla della nostra sartoria artigianale, orgoglio milanese ed eccellenza italiana. Vedi i ritagli